Accordi semplificati 2 - esempi musicali

Categories:

Leggi tutta la serie “Accordi Semplificati”

Come abbiamo visto nel primo articolo di questa mini-serie dedicata alla chitarra ritmica, è possibile togliere diverse note da un accordo, mantenendone comunque la sonorità. Per scegliere le note da eliminare possiamo definire alcune regolette empiriche dettate dall’esperienza; sentitevi liberi comunque di sperimentare altre combinazioni o di creare le vostre linee guida personali, adattandole al vostro modo di suonare e al contesto in cui dovete suonare.

Regola n.1

Eliminare le note utilizzate più volte su diverse ottave.

Questa regola è quasi ovvia, ma vediamo comunque un esempio:

Full Chord

In questo accordo la fondamentale è ripetuta su ben tre ottave e la quinta su due! Possiamo quindi rimuoverle senza troppi problemi. Ecco quindi la sua versione semplificata:

Simplified Chord

Provate a suonare ad esempio un SOL in versione completa e poi in quella semplificata, potete constatare voi stessi che il “suono” dell’accordo non è cambiato, è solamente meno potente e soprattutto meno invadente.

Regola n.2

Non toccare le note guida, o “guide tones”.

Questa regola in realtà è valida per l’Armonia in generale, non solo nel nostro caso, è quindi molto importante. Non voglio trattare qui la teoria dei “guide tones” perché è molto vasta e importante, mi limiterò ad utilizzarla per sintetizzare qualche regola utile al nostro scopo. In breve:

  • i guide tones di un accordo sono le note lo caratterizzano;
  • hanno un ordine di importanza, ma alcuni gradi sono ineliminabili;
  • per le triadi:
    • non eliminabili: 3a e 5a;
    • eliminabili: fondamentale;
  • quadriadi:
    • non eliminabili: 3a, 7a;
    • eliminabili: 5a, fondamentale

 Aumentando la complessità degli accordi cresce anche il numero di possibilità e delle complicazioni teoriche… e in quel caso un bel trattato di armonia funzionale non può che essere d’aiuto!

Se guardiamo l’elenco proposto possiamo notare alcune cose:

  • la fondamentale può essere sempre eliminata. Questo perché
    • è probabile che essa venga suonata dal basso o dalle tastiere;
    • suonando la 3a maggiore e la 5a giusta di un accordo, oppure la 3a maggiore e la settima minore di un accordo, la fondamentale esce come armonico inferiore;
  • lo stesso dicasi per la 5a, limitandosi alle quadriadi di settima: se infatti togliamo fondamentale e 5a da una triade ci rimane solo una nota! Decisamente troppo poco…

Sviluppi

La prossima volta vedremo finalmente qualche esempio musicale, nel frattempo esercitatevi a… eliminare note! Scoprirete tanti aspetti interessanti e utili dell’armonia, di cui sicuramente non pensavate aver bisogno.

Alla prossima!